logo
progetti e pubblicazioni
LAMANTICE | La segretaria de Lamantice#1
448
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-448,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-17.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive
 

La segretaria de Lamantice#1

Category
Pubblicazioni
About This Project

La Segretaria affianca e supporta i contenuti de Lamantice. Uno spin off della rivista, più snello e rapido, che attraverso l’illustrazione si connette con le realtà del territorio, festival, associazioni ed eventi, per continuare a costruire comunità e portare avanti delle pratiche di resistenza culturale e sociale. Il primo numero, con un focus sulla violenza di genere, esordisce in collaborazione con la Festa di Cinema del Reale 2018.

DI CHE GENERE? L’INSTALLAZIONE

Facce / Mutamenti / Guerre sono le parole che hanno ispirato il programma del festival, le stesse che attraversano anche il progetto “Di che genere?” che vi presentiamo sul retro di questa facciata: un abaco di 16 facce di vittime di violenza di genere nella storia passata e presente. Una galleria di volti che vive in grande formato in un’installazione durante la Festa. La violenza di genere è il tema scelto per la collaborazione tra C.A.L.M. e Cinema del Reale, al fine di creare una forte connessione con la realtà territoriale di Specchia che ha vissuto la tragica vicenda di Noemi. La violenza di genere, intesa come violenza inferta contro un genere sessuale diverso, è spesso il frutto dell’incapacità di confrontarsi con i processi di mutamento sociale in atto che operano un cambiamento su consuetudini sociali cristallizzate in un determinato genere. Rappresenta un’arma sociale – radicata nel vuoto identitario del genere che commette violenza – attraverso cui prevaricare la libertà dell’altro, limitarla o annientarla, per vincere, più o meno razionalmente, una guerra di ruoli e arginare il cambiamento. Spesso violenza di genere è sinonimo di violenza contro le donne, perché è contro di esse che la maggior parte di questi crimini vengono perpetrati, stando alla cronaca storica e a quella contemporanea. Ma molte sono le voci e gli studi sociologici che parlano di simmetria di genere e pongono l’attenzione su fenomeni in ombra come la violenza verso gli uomini e i generi definiti “non conformi”. È un fenomeno complesso, che richiede un’analisi in grado di accogliere le mille connessioni tra genere di appartenenza e ruolo sociale. Il progetto “Di che genere?”, proposto da La Segretaria de Lamantice, intende contribuire a tenere viva l’attenzione su questo tema nella consapevolezza che ognuno possa contribuire a un’altra, ben più luminosa narrazione.

Hanno realizzato il primo numero:

Giuseppe Apollonio, bRIZZO, Gianpiero Chionna, Alessandra De Cristofaro, Alberto Giammarruco, Angela Joanna Grancagnolo, Stefano Palma, Massimo Pasca, Giorgia Prontera, Valeria Puzzovio, Chiara Rescio, Paola Rollo.

Rubrica “Ora sul mio giradischi”: Max Nocco.

Redazione e revisione testi: Margherita Macrì.